Un buon editing è il segreto di ogni scrittura efficace

Un buon editing: ecco il segreto per una scrittura di successo.

La parola editing viene utilizzata con diversi significati e applicazioni pratiche e, in generale, consiste nel confronto fra un autore e un editor.

È un lavoro che può richiedere alcune settimane o molti mesi e fa si che quello che è già contenuto in un’opera possa essere tirato fuori nel migliore dei modi.

Questo è un aspetto cardine, che autore ed editor dovranno tenere ben presente, per ricordare durante tutto il periodo di collaborazione, dove inizia e dove finisce il ruolo e la responsabilità di ciascuno. Vediamo più da vicino come funziona.

Che cos’è l’editing e a cosa serve.

Quando si liberano le idee e sono sole nel vuoto, prima o poi si sposano, si scontrano o semplicemente si cercano. Massimo Gardella – Editing.

Prima di tutto stiamo parlando di un incontro fra due persone e dell’inizio di un’ avventura che può essere più o meno appassionante, ma di sicuro non sarà mai banale.

Qui consideriamo la professione, in relazione ai testi, materiale destinato a diventare libro su carta, o e-book, oppure articolo, report, presentazione, e quanto sia inteso come prodotto della scrittura.

L’editing spazia da un’azione molto tecnica e meccanica di pulizia da refusi ed errori grammaticali, fino allo sviluppo della trama, dei personaggi, degli intrecci narrativi, della struttura complessiva, della verifica di localizzazioni e citazioni.

L’editing serve per alleggerire o implementare, nel rispetto dell’autore, con il fine di aiutarlo a dare il meglio di sé.

L’intento è donare equilibrio e precisione al testo, e la collaborazione prevede che entrambe le parti siano consapevoli del proprio valore: l’autore sarà creativo e padrone della sua storia, dal canto suo l’editor offrirà sostegno e professionalità con discrezione e autorevolezza.

Quando è il momento di fare l’editing.

Il lavoro di editing inizia quando un’opera è conclusa, al termine della prima stesura. Nessun testo, per quanto ci è dato sapere, si presenta così com’è nato, nella sua veste finale, e questo non va inteso in senso negativo.

Esiste un processo indispensabile per evidenziarne ed esaltarne i punti di forza.

È naturale, infatti, che l’autore viva in simbiosi con la sua opera, e gli risulti perciò difficile valutarla con distacco. Per questo, il lavoro di analisi e supporto dell’editor e la fase di editing sono irrinunciabili.

Un lettore esperto, che per diventarlo ha letto e legge molto, quando instaura con l’autore un rapporto autentico, diventa il suo primo fan e al tempo stesso il critico più severo in un’ottica costruttiva.

L'editor è un visionario appassionato e non vede l'ora che la tua opera possa volare. Condividi il Tweet

Le fasi dell’editing.

Nel percorso di collaborazione, l’editor potrà indicare altri testi o anche video che aiutino l’autore a calarsi  ancor più nella sua narrazione, o a rileggerla da diversi punti di vista. L’editing è un lavoro che necessita di alcune fasi.

  • Una prima lettura che comporta annotazioni e osservazioni a tutti i livelli da parte dell’editor, e che poi l’autore valuta ed eventualmente integra.
  • Una seconda, in cui il processo si ripete più velocemente per affinare ancora e può anche avvenire contestualmente alla correzione di bozze definitiva.
  • Infine, quello che un tempo si chiamava il “visto si stampi“, da parte dell’autore, darà il via alla fase successiva: nel caso di un manoscritto, si può affermare che a questo punto il testo è ormai diventato un libro.

Quando finisce il lavoro dell’editor?

Da questo momento in poi, intervengono altre figure per le successive operazioni tecniche e commerciali, per esempio, nel caso di un libro, la scelta della copertina, aspetto sul quale l’editor sarà felice di esprimere il suo punto di vista, e poi i rapporti con un eventuale ufficio stampa e uffici commerciali che porteranno il testo alla divulgazione.

L’editor non lascerà il suo autore fino a che l’intero processo sia completo. La sua confidenza con il testo gli permette infatti di interagire con tutte le figure coinvolte meglio di chiunque altro.

In tutto il processo di editing, l’editor non scrive al posto dell’autore, non cambia i connotati del lavoro altrui, ma si addentra nel testo con molto rispetto e sincero interesse per aiutare l’autore a renderlo intenso, fluido e brillante.

Editing: un mix di tecnica e passione per la riuscita del progetto.

L’aspetto umano di questa vicenda professionale è senz’altro il lato più affascinante della cosa. Inevitabilmente, se fra i due si stabilisce un rapporto di complicità e appassionante amicizia, facile che succeda, vi sarà reciproca contaminazione:

prendendosi cura della scrittura del suo autore, l’editor affinerà anche la sua. Prestando attenzione ai suggerimenti dell’editor, l’autore a sua volta potenzierà il suo talento.

Questa è la più grande soddisfazione si possa avere quando si collabora su qualunque fronte, ed è il motivo per cui, una volta provata, si desidera ripeterla.

Ricordi e considerazioni personali sull’editing.

Ho un ricordo in particolare di un’intensa esperienza di editing. E anche se quella, in particolare, si è conclusa, sia per me che per l’autrice ha rappresentato un parentesi di successo, ed è bastata ad alimentare il mio fuoco, motivo per cui continuo a coltivare questa competenza con amore.

La bellezza di confrontarsi su temi letterari, ma anche la scrittura tecnica e la comunicazione aziendale, mi rievocano  l’immagine delle passeggiate dei filosofi greci, in compagnia dei loro studenti e colleghi.

Non andrebbe mai dimenticato infatti, che la scoperta e il fine ultimo in questo genere di collaborazioni,  è la crescita professionale e umana di tutti i soggetti coinvolti.

Credo che fare editing così come  ghostwriting  significhi prima di tutto stabilire un rapporto che porti entrambi a credere nel progetto del testo e io apprezzo sinceramente chi desidera condividere il proprio talento.

*************

Prima di salutarci: vuoi scrivere ma non riesci a mettere ordine fra le idee? Hai mai pensato che a volte non si porta avanti un progetto semplicemente perché si è da soli? Se vuoi darti l’opportunità di convogliare la tua creatività, la tua storia professionale in un risultato concreto su carta o in digitale,

Scopri se posso esserti d’aiutoIl gatto che scrive per te www.barbarazippo.netAlla prossima!

E se vuoi restare in contatto con me e ricevere in anteprima notizie su prossime iniziative, diverse dall’ordinario, per migliorare la qualità della tua vita, anche quella digitale…Iscriviti alla newsletter di www.barbarazippo.net  in meno di 30 secondi! Scrivi il tuo nome sul modulo che visualizzi nella barra a destra e autorizza trattamento dati e ricezione delle email. Fine! Se stai visualizzando da smartphone scorri fino in fondo e vedrai lo stesso modulo. Ti aspetto! Grazie!

iscrizione newsletter barbarazippo.net